GLI OSTUNESI RACCONTANO OSTUNI

itOstuni

COSA VEDERE MONUMENTI

Monumenti di Ostuni: tra i suoi vicoli incantati e bianco splendore

Tra i monumenti la Piazza Centrale Ostuni

Passeggiare a Ostuni significa perdersi tra le sue case armoniche di calce bianca – la prima volta che ci andai mi sembravano neve. Ostuni offre ai suoi visitatori quell’incanto che prende il nome di Città bianca, ma anche la pace, il silenzio che lascia spazio ai suoni della bella stagione. La riservatezza che accompagna nel percorrere i suoi vicoli così leggiadri, dove ogni angolo è espressione della bellezza di Puglia. Narreremo oggi di alcuni monumenti del luogo.

Monumenti di Ostuni: Cattedrale in tardo gotico

Giunti a Ostuni saranno tante le bellezze in cui ci imbatteremo. Tra i vicoli scorgeremo dei graziosi belvedere che ci mostreranno un paesaggio immenso di distese verdi viste dall’alto della collina. C’è da dire poi che Ostuni, come gran parte delle località del Salento e della Puglia, ha delle marine fantastiche. Saliamo in alto verso il suo prezioso agglomerato di case bianche e tra le prime meraviglie che scorgeremo vi sarà la Cattedrale di Ostuni. Uno dei simboli della città.

Monumenti - Primo piano della Cattedrale gotica a Ostuni
Concattedrale di Ostuni – Foto di Giusy Errico Guida turistica ©

Edificata tra il 1435 e il 1495, si presenta in un interessante stile tardo gotico con l’interno a croce latina e un bel rosone scandito da 24 raggi. La Concattedrale ostunese si trova sulla sommità del colle più alto della Città Bianca e la sua facciata è tripartita da lesene e aperta da portali ogivali, ognuno dei quali è sormontato da un rosone. Un altare in legno si erge nella navata sinistra e risale al 1734.

Piazza della Libertà e la sua guglia: tra le migliori espressioni del barocco

Il luogo da cui partire per una visita a Ostuni è Piazza della Libertà, la più grande della città. O al contrario potremmo sceglierla come tappa finale del nostro tour, magari prendendo un aperitivo prima di ripartire. Su un lato della piazza, caratterizzata da un ampio spazio triangolare, sorge un antico monastero francescano, attualmente sede del Municipio. Mentre sul lato opposto compare la Guglia di Sant’Oronzo – altro simbolo della città – alta venti metri e di forma piramidale. Inaugurata nel 1771, presenta cinque basamenti. Il primo basamento è parzialmente interrato. Il secondo e il quarto basamento sono impreziositi da angeli. Il terzo basamento si caratterizza di una balaustra a cui lati si ergono statue di santi. Nel quinto basamento c’è la statua di Sant’Oronzo scolpito nell’atto di una benedizione.

Incantevoli anfratti del borgo antico

Addentrandoci nel borgo antico di Ostuni resteremo ammaliati da molti piccoli e suadenti dettagli. Aspetti caratteristici e pittoreschi offerti dal luogo, rimasto per certi aspetti inalterato. Non sarà raro imbatterci in archi in pietra e piccole scalinate, tutte rigorosamente in bianco. Provate a percorrere Via Continelli Bixio, tra i vari vicoli.

Monumenti - Dettaglio di una casetta di calce bianca a Ostuni
Case di calce bianca a Ostuni – Foto di Antonella Marchisella ©

Di fronte ai nostri occhi si susseguiranno nel borgo anche una serie di palazzi signorili delle famiglie Ayroldi, Ghionda, Palmieri, Jurleo, Urselli, Siccoda e altri ancora. Sarebbe impossibile elencare qui tutte le architetture civili e religiose di Ostuni e ci riserviamo di parlarne ancora nei prossimi articoli. Interessanti monumenti sono infatti situati anche nell’area moderna dell’abitato ostunese coadiuvando la straordinaria bellezza del borgo antico.

Monumenti di Ostuni: tra i suoi vicoli incantati e bianco splendore ultima modifica: 2020-06-18T12:45:00+02:00 da Antonella Marchisella
To Top