GLI OSTUNESI RACCONTANO OSTUNI

itOstuni

COSA VEDERE MONUMENTI

Cattedrale di Ostuni: meraviglie di Puglia

cattedrale - Panoramica di Ostuni

Ostuni rappresenta immensamente la Puglia e oggi parliamo della sua cattedrale. Mi piace ricordare alcuni passi di Cesare Brandi per descrivere la Puglia. “Fui colpito dall’aspetto della Puglia vedendola dall’alto: un biliardo verde con fitte chiazze calcinate che sono le città”.  E’ l’inizio della primavera e una gita in Puglia è quanto di meglio possiamo fare con l’esordio della luce che ci porterà a una nuova estate. “La primavera in Puglia è un’alba senza fine” – scrive Cesare Brandi nella presentazione al libro Puglia di Editalia – Edizioni d’Italia.

Ostuni: gioiello di case bianche e vicoli incantati

“Nella campagna i mandorli sono vestiti da sposa e stanno intimiditi tra gli ulivi […]. Nelle città vecchie, i muri a calce ricevono la luce. […]. Poi, d’estate, la luce è come quella dei razzi, la notte: è un’esplosione celeste e arrostisce vivi. E le notti stellate cicatrizzano la luce” – scrive Brandi in Puglia di Editalia. Ostuni – soave e adagiata sulla collina – da cui ti affacci e vedi le distese verdi di ulivi, e se ti volti il tuo viso prende luce dalle bianche pareti delle case, è il volto di Puglia.

Cattedrale di Ostuni: dal suo rosone la luce verso Cristo

Arrivando a Ostuni, dopo la bella salita che porta sulla collina che ospita il meraviglioso centro storico di case bianche, ci troveremo davanti alla splendida Cattedrale. In stile gotico, eretta tra il 1469 e il 1495. E’ a pochi passi da Piazza della Libertà, compare eterna appena superato l’arco degli Incalzi – uno dei gioielli di Federico II di Svevia. La Cattedrale di Ostuni si presenta a noi con una facciata orlata di bellezza nei suoi lineamenti gotici. E con tre portali e un magnifico rosone centrale raffigurante il Cristo Sole per mezzo dei suoi simboli. Monumento nazionale dal 1902 ha interni a croce latina ed è stata oggetto di rimaneggiamenti ma solo nei suoi interni.

La Cattedrale di Ostuni vista dall'arco degli Incalzi
Cattedrale di Ostuni – Foto di Giusy Errico

Nell’ambito di questi rimaneggiamenti il soffitto è stato ricoperto di tele realizzate da artisti locali. La tela del martirio di San Biagio e la tela de La predicazione di Sant’Oronzo sono esempi di splendide tele presenti. A cui si aggiungono le tele della sacrestia, nel numero di otto tele queste ultime. Lo stile gotico – più precisamente gotico fiorito è quello della Cattedrale di Ostuni – è un proseguo di quello romanico. Il gotico fiorito è un gotico locale, più raffinato dell’usuale gotico, sebbene in principio questo abbia suscitato refrattarietà negli architetti del sud Italia. La Cattedrale di Ostuni è una armoniosa espressione di gotico fiorito.

Il rosone che allude al sole

L’architettura di Ostuni, nel suo centro storico, è disposta a spirale. Notiamo anche il rosone della Cattedrale ben descritto da Angela Scavo in “Il rosone della Concattedrale di Ostuni. Delicato poema in pietra di arte, fede e ragione”. Riprendendo alcuni passi dell’opera: “La  forma del rosone ha un triplice andamento circolare a cerchi concentrici. Allude al sole, invitando a una prima identificazione di Cristo con l’astro dal quale provengono la vita e la luce sulla terra”.

cattedrale - Un belvedere di Ostuni da cui si nota la distesa di ulivi all'orizzonte
Panorama affacciandosi da Ostuni

E poi ancora: “Dal ‘400 al ‘700 si è potuto ammirare il rosone nella sua interezza come opera di traforo che lasciava passare la luce all’interno; al tramonto assumeva il suo vero significato. […]. Esso si dilatava per accogliere la luce del tramonto e orientarla, attraverso la navata centrale, sull’altare del sacrificio di Cristo”.

Cattedrale di Ostuni: meraviglie di Puglia ultima modifica: 2020-06-18T12:45:20+02:00 da Antonella Marchisella
To Top