Festività natalizie, come evitare di aumentare il girovita - itOstuni

itOstuni

CONSIGLI UTILI COSA FARE

Festività natalizie, come evitare di aumentare il girovita

Dieta Prenatalizia

Le festività natalizie sono indubbiamente sinonimo di maratona gastronomica. Ma occorre arrivarci nel modo giusto per togliersi qualche sfizio senza pagare dazio. Difatti nelle settimane di dicembre che precedono il Natale si può seguire un regime alimentare lightdetox per prepararsi agli sgarri natalizi.

I consigli della nutrizionista

“La dieta non si fa mai da Natale a Capodanno. La si fa da Capodanno al Natale successivo. È’ questa una precisazione che fa la differenza. È infatti giusto potersi concedere qualche “coccola” che durante le festività fa bene alla convivialità. Guai però a concedersi troppi vizi prima del tempo. Il periodo pre-natalizio è spesso occasione di incontri con colleghi e amici. Sono circostanze in cui spesso si finisce per sedersi a bere con un aperitivo accompagnato da stuzzichini che minacciano il girovita. Queste occasioni non vanno evitate ma sarebbe opportuno limitarle”: sottolinea la dottoressa Manuela Mapelli, biologa nutrizionista e ambassador di Fileni.

Iniziamo bene la giornata durante le festività natalizie

Ciò che vale per il periodo di avvicinamento alle festività dovrebbe essere rispettato anche durante il resto dell’anno. A partire dalla colazione. Cominciare la giornata con il caffè da solo è un’abitudine da sradicare. La colazione deve essere rigorosamente abbondante. Difatti dobbiamo sentirci sazi. Se così non fosse accuseremmo quella sensazione di vuoto che ci porterà inevitabilmente ad abbuffarci al pasto successivo. È questo un meccanismo da evitare in ogni modo. Una colazione a base di cerali integrali e frutta fresca permette di far scorta di macro-nutrienti, per assicurarsi i grassi buoni alleati della sazietà.

Colazione

Per chi ama il salato si può iniziare la giornata con pane tostato integrale, con un cucchiaio di olio d’oliva da spalmare e frutta fresca o avocado, uniti a caffè e tea. Gli appassionati del dolce invece possono optare per yogurt naturale con cerali e fiocchi d’avena e frutti di bosco e consumare il caffè con latte di riso, di soia o mandorla.

Un piccolo segreto

Una consuetudine a cui dovremmo abituarci è quella di mangiare a metà mattina e pomeriggio. Bastano anche solo dieci mandorle di frutta secca. Quest’ultima infatti rappresenta una miniera di grassi buoni utili al cuore. È un alimento che tiene bassa la glicemia ed evita al contempo i picchi di fame”: ci spiega la dottoressa Mapelli.

Quali sono i cibi da bandire

A dicembre, prima delle tavolate natalizie la parola d’ordine è limitare o bandire del tutto alcuni alimenti come insaccati, salumi, formaggi stagionati e tutti i cibi da “fast food”. Quest’ultimi risultano ricchi di grassi saturi e privi di fibre. Nelle settimane che precedono il Natale limitiamo alcolici e superalcolici e tutti i tipi di dolci.

Biscotti delle festività natalizie

Ma ogni dieta da sola non basta. Lo sa bene la stessa dottoressa Mapelli che ci tiene a sottolineare quanto sia fondamentale l’attività fisica: “È necessario dedicare almeno trenta minuti al giorno all’esercizio, basta anche una semplice passeggiata. L’importante è che non manchi mai l’allenamento che aiuta a vivere una vita sana. Solo questi consigli da seguire tutto l’anno e non solo a pochi giorni di distanza dalle festività natalizie ci possono permettere di brindare in compagnia concedendoci” qualche piccolo sgarro“: conclude la dottoressa Mapelli.

Festività natalizie, come evitare di aumentare il girovita ultima modifica: 2022-12-19T12:10:38+01:00 da Mariangela Cutrone

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x